Affari Tuoi Online: divertirsi e (magari!) vincere coi pacchi

Questa è una recensione, se intendi giocare consulta le probabilità di vincita sul sito di 888.it o sul portale dell’AAMS

Il gioco Affari Tuoi è sicuramente uno dei più popolari in Italia. Non per niente l’omonimo format televisivo ha una durata ormai quasi decennale, e nessun programma concorrente riesce a scalzarlo.

Forse non tutti sanno che oggi è possibile giocare ad Affari Tuoi, online direttamente da casa propria, grazie all’accordo con la Endemol che il casinò online 888 (assolutamente legale e con concessione AAMS) ha stilato.

888 è l’unico casinò online ad avere nel proprio portafoglio giochi, Affari Tuoi, e tra l’altro vi ha accoppiato anche una promozione davvero interessante: per chi riuscisse a trovare più volte consecutive il pacco dal valore più alto sono in palio ben €5000 al mese di bonus per 48 mesi consecutivi.

Il gioco online ricalca in tutto e per tutto il gioco televisivo, che a dire il vero è caratterizzato dall’elemento dell’alea, e quindi ben si prestava ad essere ripresentato online. L’unica differenza è che il giocatore deve decidere quanto puntare; più alta sarà la puntata iniziale più alto sarà il valore dei pacchi.

Ecco come si presenta il gioco all’inizio, quando, dopo aver scelto la puntata, dobbiamo scegliere il pacco con il nostro numero fortunato

888-affarituo2i.png

A questo punto dopo aver scelto il pacco fortunato, proprio come al gioco reale cominciamo a scegliere i pacchi da eliminare; dopo ogni selezione di pacchi interverrà la fatidica telefonata del Dottore, che ci offrirà una somma per smettere di giocare, somma che ovviamente sarà parametrata al valore dei pacchi ancora in gioco.

affari tuoi, affari tuoi online

Se decidiamo di portare a termine il nostro gioco, arriveremo ad aprire il pacco scelto.. con la relativa vincita.. chissà se ci sarà andata bene!

888-affarituo5.png

Affari Tuoi Online: divertirsi e (magari!) vincere coi pacchiultima modifica: 2012-11-20T19:00:00+01:00da gratisuno
Reposta per primo quest’articolo